Ricerca

Lavoro: "qualità e quantità”

Nel quarto trimestre 2017, le ore lavorate (dati conti economici ISTAT) sono ancora inferiori del 5,8%  rispetto al primo trimestre del 2008 e le unità di lavoro sono il 4,7% in meno sempre relativamente allo stesso periodo. Si tratta di -667 milioni di ore lavorate e di quasi 1,2 milioni di Unità di Lavoro in  meno rispetto al primo trimestre 2008. 

Seminario europeo sui temi della partecipazione dei lavoratori nell'impresa

Lunedì e martedì 12-13 marzo 2018 si terrà a Bologna un seminario europeo sui temi della partecipazione dei lavoratori nell'impresa. Organizzato dall'Istituto Sindacale Europeo (ETUI) e da WPEurope, l'incontro vedrà la presenza fra i relatori di Salvo Leonardi (FDV), che terrà la comunicazione introduttiva di lunedì pomeriggio su "Current state of play of workers' participation in Italy: overview, context and outlook". In allegato, il programma dell'evento

DONNE E LAVORO. MOLTO ANCORA RESTA DA FARE

In livelli assoluti, hanno lavorato in media nel 2017 in Italia 9,67 milioni di donne, raggiungendo la percentuale del 42% del totale degli occupati, quasi 400 mila in più rispetto al 2016, mentre il dato riferito agli uomini (13,35 mln) è stato nel 2017 inferiore a quello di dieci anni fa. Tuttavia, tra il tasso di occupazione maschile (67,1%) e quello femminile (48,8%) resta una differenza di oltre 18 punti percentuali nella fascia di età 15-64 anni (Dati ISTAT provvisori).

LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA ALLA PROVA DEL DECENTRAMENTO. Cinque paesi europei a confronto (Progetto europeo DECOBA)

Le pagine di questo working paper riassumono i risultati di uno studio europeo sul decentramento contrattuale (DECOBA) realizzato in cinque paesi dell’UE, tradizionalmente caratterizzati da un significativo grado di coordinamento della contrattazione collettiva: Belgio, Germania, Francia, Italia e Spagna.

Pubblicazioni: 

convegno europeo "Più democrazia per un'economa sostenibile".

Giovedì e venerdì, 8-9 marzo 2018, si tiene a Berna un convegno europeo intitolato "Più democrazia per un'economa sostenibile". L'evento, organizzato dal PS e dal sindacato svizzero (SGB-USS), vedrà fra i relatori la presenza di Salvo Leonardi (FDV), che interverrà per riferire dell'esperienza italiana in tema di democrazia industriale e partecipazione dei lavoratrori nell'impresa.

Il programma dei lavori è in allegato.

 

SOCIAL LEARNING TERRITORIALE PER L’AREA DI CRISI COMPLESSA DELLA PROVINCIA DI SAVONA

SOCIAL LEARNING TERRITORIALE PER L’AREA DI CRISI COMPLESSA DELLA PROVINCIA DI SAVONASOCIAL LEARNING TERRITORIALE PER L’AREA DI CRISI COMPLESSA DELLA PROVINCIA DI SAVONA

Il 1 dicembre 2017, presso il Campus Universitario di Savona, si è svolta l'iniziativa organizzata dalla CGIL di Savona e dalla Fondazione Di Vittorio dal titolo: “Conoscere il territorio, contrattare il futuro”.
In allegato è possibile scaricare la sintesi e la presentazione di Elena Battaglini, (Resp. Area ricerca economica territoriale Fondazione Di Vittorio) dal titolo: “Social Learning territoriale per l'Area di crisi complessa della provincia di Savona”.

Pubblicazioni: 

"Lavorare meno e riprendersi la sovranità del tempo"

"Lavorare meno e riprendersi la sovranità del tempo", a partire dalla vertenza dei sindacati metalmeccanici tedeschi. Ne hanno discusso su Radio Popolare ("Memos"),  giovedì 11 gennaio: Reinhard Bispinck, già Direttore dell'istituto di Ricerche Economiche e Sociali della Fondazione Hans Boeckler (DGB) di Dusseldorf, Chiara Saraceno, sociologa e saggista dell'Università di Torino, Salvo Leonardi, ricercatore in relazioni industriali presso la Fondazione Di Vittorio.

Lavoratori digitali

Le tecnologie digitali sono fondamentali per la vita delle persone e delle imprese, per la crescita individuale così come per lo sviluppo di un territorio. Negli ultimi anni la produzione di beni e servizi digitali ha coinvolto una quota crescente di lavoratrici e lavoratori, eppure le condizioni di chi opera in questi settori sono poco conosciute.
Sono più di 450mila i lavoratori del settore, a prevalenza maschile (80%) con un titolo di studio alto e un’età compresa tra i 35 e i 44 anni.

Pagine