LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA ALLA PROVA DEL DECENTRAMENTO. Cinque paesi europei a confronto (Progetto europeo DECOBA)

Le pagine di questo working paper riassumono i risultati di uno studio europeo sul decentramento contrattuale (DECOBA) realizzato in cinque paesi dell’UE, tradizionalmente caratterizzati da un significativo grado di coordinamento della contrattazione collettiva: Belgio, Germania, Francia, Italia e Spagna.

La studio presenta un’analisi approfondita e aggiornata dei cambiamenti che hanno contraddistinto questi sistemi nazionali di relazioni industriali, allo scopo di individuare le tendenze sottostanti e i principali fattori di trasformazione. Oltre a soffermarsi sui principali mutamenti normativi, ampiamente approfonditi da ciascuno studio nazionale, è stata condotta un’indagine settoriale quanti-qualitativa, nel comparto metalmeccanico e nel commercio, al fine di verificare la presenza di una pluralità di traiettorie, eventualmente anche all’interno di uno stesso sistema nazionale.

Il progetto DECOBA (“Decentralisation of collective bargaining during the years of the crisis in Europe. Set-ups, trends and prospects”) è stato finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito delle iniziative previste dal bando “Migliorare le competenze nel campo delle relazioni industriali” (VP/2015/004). Promosso e coordinato dalla Fondazione Giuseppe Di Vittorio, lo studio ha visto la partecipazione di alcuni istituti di ricerca economica e sociale, sia accademici sia legati al mondo sindacale, come la Fondazione Hans Boeckler (Germania), l'Università Cattolica di Lovanio (Belgio), l’IRES (Francia), la Fundacion 1° de Mayo (Spagna), l’Università “La Sapienza” di Roma, la Confederazione europea dei sindacati (CES).

Il rapporto completo, in inglese, è in corso di pubblicazione; Leonardi S., Pedersini R. (a cura di), "Multiemployer bargaining under pressure. Decentralization trends in five European Countries", Brussel, ETUI (220 pp.).

Autori: 
Aree
Argomenti