Hanno Scritto di Lui

Appunti sul sindacato che cambia, di Bruno Ugolini

Il titolo del libro è 'Autunno caldo, 40 anni dopo' (edizioni Ediesse, a cura di Carlo Ghezzi). E' un altro modo per ricordare Bruno Trentin, scomparso tre anni fa, il 23 agosto 2007. Contiene i testi degli interventi a un convegno promosso dall'Istituto Gramsci, la Fondazione Di Vittorio e il CRS, svoltosi a Roma nel novembre scorso. Avevano preso la parola Giuseppe Berta, Adolfo Pepe, Giuseppe Vacca, Aris Accornero, Giorgio Benvenuto, Piero Bevilacqua, Gian Primo Cella, Cesare Annibaldi, Pierre Carniti, Alfredo Reichlin, Mario Tronti, Guglielmo Epifani.

L'europeismo di Trentin, di Sante Cruciani

Pubblichiamo qui il testo della relazione di Sante Cruciani (Università della Tuscia) sul tema 'L’elezione al parlamento europeo e l’europeismo di Trentin' al seminario internazionale (Bruno Trentin nella sinistra italiana, francese ed europea) promosso il 18 e 19 marzo 2009 a Roma dall'Ecole Française de Rome, dalla Fondazione Giuseppe di Vittorio e dall'Università degli Studi di Viterbo.

La Costituzione che voleva Silvio Trentin, di Iginio Ariemma

Silvio Trentin, dettò al figlio Bruno, prima di morire, nei primi mesi del 1943, un abbozzo di Costituzione Italiana. Tale documento  è stato pubblicato nell'Archivio delle Costituzioni storiche del Dipartimento di Scienze giuridiche dell'Università di Torino, con l'introduzione di Iginio Ariemma. Ed ecco il testo di tale introduzione:

1.Il percorso politico

Il futuro del sindacato dei diritti

Pubblichiamo qui il testo dell'introduzione al volume 'Il futuro del sindacato dei diritti (Ediesse) curato da Igiino Ariemma.
Bruno Trentin viene eletto segretario generale della CGIL il 29 novembre 1988. Avrebbe compiuto 62 anni pochi giorni dopo. Il primo atto della sua segreteria è stata la conferenza programmatica che si svolse a Chianciano nell’aprile successivo.

'Quella notte a Reggio Calabria', di Michele Gravano

Nel corso della Giornata di studio in onore di Bruno Trentin svoltasi a Salerno il 28 maggio 2009, sul tema “Il Mezzogiorno: da Battipaglia ad oggi. Realtà e problemi” ha svolto tra gli altri una relazione Michele Gravano. Eccone il testo.

Sarò poco organico e poco puntuale anche perché è difficile racchiudere la complessa vicenda politica ed intellettuale di una personalità straordinaria come Trentin: straordinaria non solo sul versante sindacale ma in generale. Egli non a caso è stato considerato uno dei padri della Repubblica Italiana, con merito e con titolo.

Un sindacalista sulle vette, di Stefano Ardito

E' uscito sulla Rivista della Montagna di giugno- luglio 2009 un articolo a firma di Stefano Ardito  su BrunoTrentin, sotto il titolo 'Un sindacalista sullo Spigolo giallo'. Eccone il testo e, di seguito. l'intervista allo stesso Trentin, fatta da Ardito nel 1989.

Per mezzo secolo, le montagne dell’Alta Pusteria hanno avuto un amico speciale. Si chiamava Bruno Trentin, ed è stato uno dei pochi sindacalisti capaci di lasciare il segno nella storia dell’Italia contemporanea.

Nel nome del padre, di Alessandro Casellato

Il saggio che segue è apparso sull'ultimo numero di Belfagor (http://www.olschki.it/riviste/belfagor.htm)


Il 13 settembre 2002 Bruno Trentin viene insignito della laurea ad honorem in Economia e commercio dall’università Ca’ Foscari. Si trova a pronunciare la sua lectio doctoralis nell’aula magna che porta il nome di suo padre. Non può evitare di riferirsi a lui, con poche ma impegnative parole.

Pagine