Storia e Memoria

Salvare le fabbriche

Molti e diversi sono stati i modi attraverso cui le lavoratrici e i lavoratori italiani hanno partecipato alla lotta di Resistenza e alla Liberazione del paese. Così, in quegli anni, l’impegno armato di tanti e di tante nelle formazioni partigiane è stato accompagnato, in moltissimi grandi e piccoli centri, dall’azione capillare e diffusa di centinaia di migliaia di lavoratori per salvaguardare i macchinari delle fabbriche e le infrastrutture civili e di collegamento dai piani di distruzione predisposti dai nazisti sconfitti e in fuga dall’Italia.

Storia e Memoria: 
Pubblicazioni: 

La stagione del riscatto. Bologna e Napoli dalle lotte contro i nazifascisti alla ripresa produttiva e civile

Il contributo dato dai lavoratori italiani e dalla loro organizzazione sindacale alla lotta di Liberazione e, contestualmente, alla ricostruzione del paese non è stato ancora oggi sufficientemente indagato dalla storiografia. A negare e ridurre quel contributo si è invece in vario modo e su più piani diretto un tentativo di revisione che ha preso le mosse già all’indomani della Liberazione dell’Italia, per riproporsi in modo strisciante o a volte più esplicitamente nel corso di questi decenni.

Storia e Memoria: 
Pubblicazioni: 

"La memoria della lotta”. Leghe e capilega nei Castelli Romani (1944-1959)

Con questo volume, attraverso la sistemazione, la raccolta e l'utilizzo delle differenti fonti a disposizione, ci si è proposti di ricostruire e documentare la storia delle leghe contadine dei Castelli Romani e la memoria di chi le diresse, evidenziandone il ruolo svolto nelle lotte per la terra all’indomani del secondo conflitto mondiale e fino alla conclusione degli anni cinquanta.

Storia e Memoria: 
Pubblicazioni: 

Annali Fondazione Giuseppe Di Vittorio 2005

Il secondo numero degli Annali della Fondazione Giuseppe Di Vittorio discute il rapporto tra Costituzioni nazionali, diritti sociali e ordinamento comunitario europeo, nella consapevolezza che la possibilità di una piena attuazione dei diritti e della stessa democrazia, così come delineati dalle architetture giuridiche e politiche nazionali, non possa che derivare ormai da un orizzonte costituzionale comune, europeo e internazionale.

Storia e Memoria: 
Pubblicazioni: 

Verso l'Europa dei diritti

Il volume raccoglie una selezione dei saggi predisposti in occasione di una iniziativa complessa, articolata in più incontri, dal titolo «I diritti sociali nel progetto della Costituzione della futura Europa», che la Fondazione Di Vittorio ha svolto in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, nell’ambito delle azioni di informazione e comunicazione su «L’avvenire dell’Europa», promosse dalla Commissione europea.

Storia e Memoria: 

Annali Fondazione Giuseppe Di Vittorio 2004

Gli Annali della Fondazione Giuseppe Di Vittorio si propongono come strumento per l'analisi del mondo del lavoro. Un'analisi condotta in primo luogo sul piano storico che si integra con l'indagine economica e giuridica e si arricchisce con la strumentazione propria delle scienze sociali. Gli Annali hanno una struttura monografica flessibile che si articola in diverse sezioni.

Storia e Memoria: 
Pubblicazioni: 

Giuseppe Di Vittorio: Una lettura

Bologna, 23-4-04. “Giuseppe Di Vittorio: Una lettura”. Brani di discorsi ufficiali, testimonianze e ricordi privati, su Giuseppe Di Vittorio. Partecipa Adolfo Pepe (Dir. FDV).

 

 

Storia e Memoria: 

La figura di Lizzadri nella storia del movimento operaio

Gragnano (Na),  4-6-04. Dibattito: “La figura di Lizzadri nella storia del movimento operaio”. Organizzato da FDV, Centro Studi Storia Locale Oreste Lizzadri, CGIL Campania, Camera del Lavoro di Napoli, FLAI Campania. Hanno preso parte, Adriana Buffardi, Andrea Gianfagna (FDV), Silvio De Maio, Guglielmo Festa, Vittorio Di Vuolo, Carlo Ghezzi, (Presidente Fondazione Di Vittorio), Angelo Abenante, Libero Lizzadri, Salvatore Pirastu, Michele Gravano, Giuseppe Errico, Carmine Perino, Pasquale Iorio.

Storia e Memoria: 

Pagine